Quei ragazzi casa chiesa e pallone

Layout 1Chiunque si sia sbucciato le ginocchia all’oratorio conserva in qualche cassetto della memoria una crociata che non dimenticherà: una partita, un campionato di cui essere orgoglioso; una piccola epica personale che diventerà sempre più dolce con il passare del tempo perché rimanderà agli anni più spensierati della nostra vita.

Questo ci racconta Claudio Frascella: la sua crociata indimenticabile al tempo dei calzoni corti, un pugno di partite combattute con i suoi amici migliori, all’ombra di una chiesa, con un prete a bordocampo e un soprannome prestigioso (Meroni) da vestire come una corazza sopra un corpo ossuto e gracile.

Intorno, come una quinta, la famiglia, la scuola, la città, l’Italia del Boom….